Amazon.com Widgets
Search for: within in Search in these results
1 role shown Switch to Summary View | Start Over | View Saved Arias (0)
Sort by: Composer | Opera | Role | Voice Part
Opera: Orlando
Composer: George Frideric Handel
Description: a warrior
Voice Part: countertenor
Vocal Fach: countertenor
Arias:
Fammi combattere - from Act I, Scene 1. Range: 3A#/Bb - 5D    Extras: Translation into English by
Cielo! Se tu il consenti - from Act II. Range: 3A - 5D    Extras: Libretto entered by
Vaghe pupille - from Act II. Range: 3A - 5D    Extras: Libretto entered by
Già l'ebio mio ciglio - from Act III, Scene 2. Range: 3A#/Bb - 4A#/Bb    Extras: Libretto entered by
Fammi combattere, Orlando's aria from Orlando

Fammi combattere          Let me fight
mostri e tifei,           against any monster,
nuovi trofei              if you want
se vuoi dal mio valor.    new trophies by my braveness.
Muraglie abbattere        Let me throw walls down,
disfar incanti,           destroy enchantments,    
se vuoi ch'io vanti       if you want me to boast 
darti prove d'amor.       of giving you proof of love.

Translation by Ugo Berardi (pro.ugo@tin.it)
Cielo! se tu il consenti, Orlando's aria from Orlando

E' questo la mercede,
Angelica spietata!
del mio amor, di mia fede?
Ah, non vi gioverà da me fuggire,
che sino d'Acheronte sulla strada,
vi giungerà il mio sdegno, e la mia spada!

Cielo! se tu il consenti, deh!
fà che nel mio seno possa anche il ferro entrar!

Perchè a un si rio dolore
dal misero mio core
sappia col ferro almeno
l'uscita ritrovar.
Vaghe pupille, Orlando's aria from Orlando

Ah! stigie larve,
ah! scelerati spettri
che la perfida donna ora ascodete,
perchè al mio amor offeso 
al mio giusto furor non la rendete?
Ah! misero e schernito,
l'ingrata già m'ha ucciso!
Sono lo spirto mio da me diviso,
sono un ombra, 
e qual ombra addesso io voglio
varcar la giù ne' regni del cordoglio!
Ecco la stigià barca;
di Caronte a dispetto già solco l'onde nere.
Ecco di Pluto le affumicate soglie, e l'arso letto!
Già latra Cerbero, 
e già dell'Erebo ogni terribile squalida furia 
sen viene a me!
Mà la furia, che sol mi diè martoro, dov'è?
Questo è Medoro!
A Proserpina in braccio vedo che fugge,
or a strapparla io corro
Ah! Proserpina piange?
Vien meno il mio furore,
se si piange all'inferno anco d'amore!

Vaghe pupille, nò, non piangete, nò,
che del  pianto ancor nel regno
può in ogn'un destar pietà.
Vaghe pupille, nò, non piangete, nò!
Mà sì, pupille, che sordo al vostro incanto
ho un core d'adamanto,
nè calma il mio furor, nò.
Mà sì, pupille, piangete, sì.
Già l'ebro mio ciglio, Orlando's aria from Orlando

Già per la man d'Orlando 
d'ogni mostro più rio
purgato è il mondo!
Ora giunge la notte
dal le cimerie grotte,
ed è seco Morfeo,
che i papaveri suoi
sul crin mi sfronda,
porgendomi a gustar
di Lete l'onda.

Già l'ebro mio ciglio,
quel dolce liquore invita a posar;
Tu, perfido Amore, 
volando o scherzando non farmi destar!
Sort by: Composer | Opera | Role | Voice Part